STARE. Laboratorio a VERONA

La consapevolezza in scena e nel quotidiano. Il laboratorio STARE diretto da Gabriele Vacis sarà realizzato dal 4 al 6 ottobre a VERONA presso la Fattoria Didattica La Genovesa - Verona Un laboratorio pratico sull'importanza del teatro inclusivo, opportunità di integrazione, condivisione e coesione.

Per informazioni: bambamteatro@gmail.com • tel.327 0774022 • Scadenza iscrizioni entro lunedì 23 settembre 2019
Qui altri dettagli sul laboratorio: Bam Bam Teatro (https://bambamteatro.allyou.net/9707287/seminario-con-gabriele-vacis)

***

A CHI SI RIVOLGE
Il percorso si rivolge a persone adulte, attori, educatori, operatori sociali, insegnanti, personale medi- co-sanitario, a tutte le persone che si trovano ad affrontare lavori a contatto con gruppi di persone e scelgono di utilizzare lo strumento del teatro sia in ambito artistico che sociale.

IL SEMINARIO
Il seminario, di natura pratica, è incentrato sull'importanza del TEATRO INCLUSIVO ossia come opportunità di INTEGRAZIONE, CONDIVISIONE e COESIONE. Si potrà sperimentare il metodo sviluppato dallo stesso Vacis, che si fonda sull'esercizio costante e rigoroso della CONSAPEVOLEZZA definita col termine AWARENESS e dell'ATTENZIONE, e sull'ESERCIZIO chiamato SCHIERA, uno strumento articolato di costruzione della propria presenza e un modo di riflettere sullo spazio e sulle relazioni, ossia del corpo che si mette in ascolto degli altri corpi per creare azioni comuni.

OBIETTIVI
Gli obiettivi principali si trovano all'interno del lavoro formativo intrapreso da Vacis nell'Istituto di Pratiche Teatrali per la Cura della Persona, che trova tra le sue motivazioni l'utilizzo del teatro come opportunità di inclusione, integrazione e condivisione. L’obiettivo primario è, anzitutto, saper stare consapevolmente in relazione con gli altri in scena come nel quotidiano. Non sono solo gli attori ad aver bisogno di una conoscenza profonda di sé stessi e degli altri: tutte le persone ne hanno bisogno. Le tecniche del teatro si prendono cura della persona da sempre. La tragedia, nella Grecia classica, era il luogo dell’incontro della comunità. Le pratiche del teatro supportano la socialità, la medicina, l’educazione. Perché alla base di queste necessità umane c’è sempre la capacità di STARE. Di abitare consapevolmente il proprio tempo e il proprio spazio. In autonomia o in relazione agli altri esseri umani.

***

Per tutti i dettagli: https://bambamteatro.allyou.net/9707287/seminario-con-gabriele-vacis