Cosa ti manca? Il messaggio di Silvio Borla

Alla fine di uno degli incontri laboratoriali all’ASLTO4 di Settimo abbiamo ricevuto il messaggio di Silvio ,Borla uno dei partecipanti che ha seguito l’Awareness Campus e gli Awareness Time nel 2017, e che da molto tempo segue le pratiche della Schiera.

Ecco qui:
Caro Gabriele, “Che cosa ti manca?” – hai chiesto a Settimo La continuità di Awareness – avere una sede – mettere radici… L’ educazione affettiva… io sono l’ altro. Le variazioni. Tenere visibili i paletti dello sviluppo. I campi base. Le salite. Le discese. Il tempo per conoscere come la lingua del cuore possa riempire gli spazi, espandersi.

“Ascolta il tuo battito… Il lieve rossore che sale nel volto, un attimo prima del bacio, del lancio, del tuffo, della prova d’ esame.” (H Asti, cardiologia)

La protezione totale nell’abbraccio umano: solo cosi’ posso sognare liberamente, entrare in ciò che in superficie non è visibile. Gea nel film ‘La terra buona’ dice al padre nel monologo: rendimi sicura, proteggimi, lascia che mi sciolga completamente… I gruppi umani che formano storia: conosco, so il bisogno di chi in sé confida e mi muovo, risolvo, progetto, costruisco, credo nel progetto. Chi sa , l’altro che sa più di me e mi trasmette la sua conoscenza in modo disinteressato, per costruire fare il progetto più grande e riconoscibile. I punti di contatto con gli altri saperi: con chi produce, nelle aziende: Le intenzioni… la concentrazione verso l’ obiettivo, le linee di sviluppo.

Silvio