Cara Italia: dal diario di Giulia

Oggi a teatro abbiamo parlato dell’Italia, e mi è subito venuta in mente questa canzone di cui ho riportato le rime che mi piacciono di più:

Io mi sento fortunato alla fine del giorno
Quando sono fortunato, è la fine del mondo
Io sono un pazzo che legge, un pazzo fuorilegge
Fuori dal gregge che scrive “scemo chi legge”

Oh eh oh, quando il dovere mi chiama
Oh eh oh, rispondo e dico: “Son qua!”
Oh eh oh, mi dici: “Ascolta tua mamma!”
Oh eh oh, un, dos, tres, sono già là

Oh eh oh, quando mi dicono ‘: “A casa”
Oh eh oh, rispondo: “Sono già qua!”
Oh eh oh, io T.V.B. cara Italia
Oh eh oh, sei la mia dolce metà

Questo è il ritornello di una canzone di Ghali che si intitola “Cara Italia”. Ghali è un cantante italiano di origini tunisine che vive a Milano. Mi è piaciuta molto la canzone dedicata all’Italia e tutto l’affetto che ci ha messo nel scriverla, ma la cosa che mi ha colpito maggiormente è quello che ha scritto sotto un post di Instagram il giorno che è uscita la canzone:

Cara Italia,
Ti dedico questa canzone che ho ideato tornando dal mio primo viaggio in America.
Non hai nulla da invidiare a questi grandi paesi che vediamo nei film.
Spero però che tu non ti offenda per aver risaltato i tuoi difetti, sappiamo tutti che sei bellissima ma questo serve a migliorarsi.
Cara Italia,
Ho scritto “sei la mia dolce metà” perchè è davvero così.
Tu mi hai visto nascere, mi hai cresciuto e ora che in ogni tuo angolo gridano il mio nome come posso voltarti le spalle?
Tu che sei la dimora dei miei desideri, il letto dei miei sogni.
Infinite le giornate di dolore tra le tue mura e infinite le notti di rabbia ma come potrei voltarti le spalle senza rimpianto?
Cara Italia,
Ti chiedo solo tre cose:
NON PARLARMI più di confini e non ti parlerò più con diffidenza.
NON SENTIRTI inferiore e io mi sentirò all’altezza.
NON VEDERMI come un nemico e io ti vedrò come una sorella, un’amica, una mamma.
Spero che tu possa prendere in considerazione le mie parole.
Io T.V.B Cara Italia
#Ghali

dal Diario di Giulia (Liceo Gobetti – Torino)